Appunti e considerazioni su Anteprima vini della Costa Toscana

www.sommelierxte Anteprima vini della costaSi è conclusa domenica 8 maggio la due giorni della 15° Anteprima Vini della Costa Toscana, l’annuale rassegna di viticoltori delle provincie toscane bagnate dal mare. Cresciuta nel numero dei produttori presenti, circa ottanta, che nelle etichette presentate, oltre 400, ha sempre il suo focus sulla possibilità di assaggiare i vini nella versione en primeur che in commercio. A tale fine sono state organizzate le aree degustazione riservate ad un pubblico selezionato e addetto ai lavori, dove i sommeliers della delegazione Lucca con professionalità e maestria hanno servito i presenti.

www.sommelierxte.it appunti degustazioneNon potevo certo esimermi dal tasting della vendemmia 2015 così ho fatto un giro nel bicchiere delle varie provincie della costa e questi sono i miei appunti di viaggio che per ragioni di spazio riportano solo i prodotti che più mi hanno colpito:

Grosseto: Fattoria le Pupille con Saffredi blend di Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot, ha fatto veramente un ottimo lavoro che mi propongo di riassaggiare quando sarà messo in commercio. Ottima struttura, tannino già perfettamente integrato anche se sbava ancora un po’ la componente alcolica.

Livorno: primo giro si Sirah tutti ben condotti ma sono rimasto piacevolmente impressionato ed ho apprezzato quello dell’azienda Cecilia. L’Oglasa, questo il nome del vino, è ancora diviso fra le sue componenti ma entrambe sono di pregio; il tempo dovrebbe fonderle e regalarci quelle sensazioni che ora sono appena accennate.

Pisa: la lotta è stata un po’ più dura, ma La Regola della omonima azienda, con lo stesso uvaggio del Saffredi in territorio completamente diverso regala sensazioni già ben bilanciate con una predominanza di frutto sotto spirito all’olfatto ed alla beva.

Lucca: altro giro di Syrah dove mi ha un po’ deluso il For Duke di Gino Fuso Carmignai che risulta essere troppo pesante con estrazioni estremizzate e mi ha invece intrigato Tenuta di Valgiano con sensazioni olfattive e gustative molto particolari da riconfermare.

Massa: interessante il Cybo a base di Massaretta, uva autoctona locale, che l’azienda Vini Apuani Castagnini ha condotto in maniera verticale nel bicchiere rendendolo austero ma già in buon equilibrio; resta da vedere la longevità del prodotto.

Plauso agli organizzatori da un appassionato di bollicine metodo classico come il sottoscritto, che da anni porta avanti una crociata sui “Metodi Classici minori” con il format Figli di una bollicina minore, per aver posizionato le bollicine metodo classico della costa in uno spazio tutto per loro, anziché essere disseminate fra i vari banchi dei produttori. Nelle sale dedicate a “Storie di Bollicine” era possibile trovare tutte le bollicine della Costa dove l’attento appassionato od il curioso di turno hanno potuto assaggiare gran parte della produzione toscana. Mi auguro che per la prossima edizione ci sia una divisione più marcata fra i metodi charmat e quelli classici, ma diamo tempo al tempo. Come dicevo, le bollicine classiche sono cresciute per numero annoverando fra i produttori anche nomi celebri del calibro di Michele Satta. Il vino che hanno presentato a base Sangiovese, solo in formato magnum, è stato etichettandolo come “riserva di casa”; sono quindi riuscito a bere il numero zero di un nuovo progetto che ha tutte le premesse per poter diventare un successo.

www.sommelierxte.it CuordiCru Diegale -Senza nulla togliere agli altri prodotti in degustazione la cosa che mi è piaciuta di più è il Cuor di Cru dell’azienda Diegale immersa in piena maremma toscana che con il suo XB base Chardonnay ed aggiunta di Pinot nero regala sensazioni di freschezza e frutto pieno di tutto rispetto. Mi auguro che questo rinascimento della bollicina toscana, supportato anche da mamma AIS, vedere inserto “Bollicine 100% toscane” sul numero 31 della rivista Sommelier Toscana, possa trovare sempre più produttori che con le moderne tecnologie di vinificazione lo supportino e consumatori che lo apprezzino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *